Come pensare per prendere decisioni migliori
Modello #5: Il modello base per il parlare in pubblico

Modello #5: Il modello base per il parlare in pubblico

Di modelli per parlare in pubblico ne esistono tantissimi.  A dispetto di questo nella mia vita ne ho incontrati davvero pochi che facevano al caso mio.

In alcuni casi il livello di dettaglio era così basso (“ogni discorso ha un’introduzione, un corpo, e una fine“) da renderli inutili a fini pratici, altri esegeravano nell’altra direzione, con template così complicati che lo sforzo cognitivo era nel ricordarsi i passi e non nella discussione… alcuni altri confondevano la struttura del discorso con i trucchi per una buona consegna.

Per esempio concordo che bisogna avere un linguaggio del corpo congruente… ma cosa vuol dire in termini sensorialmente basati? Avere un linguaggio del corpo congruente rende il discorso strutturato? Oppure è meglio avere una struttura a prova di bomba e da li costruire le proprie abilità?

Come al solito lavoro per sottrazione. Questo modello è lo stesso che usano moltissimi per i TED speak (checchè ne dica Chris Anderson nel suo libro)

E sempre questo è un’ottima base per alcuni modelli più potenti (come il modello del sermone di Frank Pucelik, già presentato qui su ModelliMentali.com).

Vorrei averlo conosciuto al liceo.

Il Modello per il parlare in pubblico

I Passi del Modelli spiegati

  1. Ottieni Attenzione: Inizia con una storia, statistiche, numeri, inforgrafiche.
  2. Argomento principale: Introduci brevemente il tema principale della presentazione
  3. Anticipazioni: Introduci i sotto temi
  4. Vai nel dettaglio dei singoli sottotemi
  5. Riassumi i tuoi sottotemi
  6. Conclusioni:
  7. Chiamata all’azione: invita il pubblico a compiere un’azione

Perchè mi piace

  • Il modello è perfetto per iniziare e perfetto per essere adattato al proprio stile, dato che è di puro processo.
  • Altri modelli per parlare in pubblico (Nested loops, “la Margherita” etc etc) si possono utilizzare tranquillamente insieme a questo
  • E’ molto semplice da ricordare, ma completo
  • E’ una ricetta passo passo
  • E’ adattabile a un discorso di 3 minuti come ad uno di 3 ore.
Unisciti alla discussione